jacqueline kennedy armocromia
Tutti gli articoli

La palette di Jacqueline Kennedy: celebrità e armocromia

Bentornate/i care/i lettrici e lettori. Questo è il secondo appuntamento di #celebritàinpalette. Nella prima puntata della rubrica abbiamo effettuato l’analisi del colore su Lady Diana. Potete leggere l’articolo qui. Oggi proseguiamo il nostro percorso analizzando un’altra icona di stile intramontabile e scopriremo insieme la palette di Jacqueline Kennedy.

palette di jacqueline kennedy

Come nel caso di Lady D., Jacqueline ha segnato la storia della moda e dello stile non solo per la sua innata eleganza, ma anche per il modo di interpretarla e farla sua. Non ci sarebbero pantaloni Capri, né tanto meno la Hobo di Gucci si chiamerebbe Jackie, se non ci fosse stata lei. Ma qual era il suo rapporto con la moda? La first lady americana amava la Haute Couture francese. Grande sgarbo alla bandiera americana prediligere la moda del Vecchio Mondo. Per questo si rivolse a Oleg Cassini, su consiglio del suocero, che confezionò per lei quasi 300 abiti, vestendola da capo a piedi per anni.

Embed from Getty Images

Tragicamente rimasta vedova a 34 anni, la relazione con l’armatore greco Aristotele Onassis le concesse una maggiore libertà nell’abbigliamento. I guanti bianchi degli anni ’60 finiscono nei ricordi della sua gioventù, lasciando spazio a gonne più corte, pellicce, gioielli e occhiali giganti.

Sottotono: freddo o caldo?

Passiamo all’analisi del colore. Cominciamo con il sottotono. Ho trovato queste foto che mi sembrano indicative di un fatto innegabile: il giallo caldo sta malissimo sulla povera Jackie O, che in questa prima foto ha un pessimo colorito, proprio a causa del contrasto pelle abito.

Embed from Getty Images

Sarete d’accordo con me che l’aspetto bluastro non è certo dei migliori.

Embed from Getty Images

In questa foto, come potete vedere, anche l’oro di certo non la valorizza. Bene, direi che possiamo affermare con certezza che il suo sottotono sia freddo.

la palette di jacqueline kennedy
Jacqueline Kennedy con cappotto e cappellino di colore freddo

Contrasto: alto o basso?

Ora che sappiamo che il sottotono è freddo, possiamo dedicarci al contrasto, in modo da capire se Jackie sia una Winter o una Summer.

Quando parlo di contrasto con le mie clienti, porto sempre l’esempio di una stampa in bianco e nero. In che senso? vi faccio un esempio. Io sono una Summer e se stampassi la mia foto in bianco e nero, la stampante non userebbe molto colore, perchè il mio contrasto è basso. Vediamo un’immagine black&white di Jackie.

Embed from Getty Images

Come potete vedere, c’è molto contrasto tra i capelli e il viso. Cosa ne deduciamo? Jacqueline Kennedy ha un alto contrasto.

Stagione: la palette di Jacqueline Kennedy?

Habemus stagionem! Jacqueline Kennedy è decisamente una Winter. Il sottogruppo? Direi Winter Deep. La caratteristica dominante della Winter Deep è la profondità e il valore scuro.

Come potete vedere nelle foto qui sotto, i colori della palette Winter Deep – verdone, rosso profondo e bianco ottico – le stanno benissimo.

La palette di Jacqueline Kennedy è anche la tua palette?

Pensi di essere una Winter deep come Jacqueline? Copia il look con questo due pezzi di Zara: ricorda il tailleur rosa più famoso al mondo, quello indossato da Jackie durante la parata a Dallas, firmato Chanel.

cardigan rosa palette jacqueline kennedy
Cardigan rosa Zara. Lo trovi qui
gonna rosa Zara
Gonna rosa Zara. La trovi qui

Se non sei sicura della tua stagione, posso darti una mano. Solo un’analisi del colore può avere l’ultima parola. Prenota qui la tua consulenza.

Credits of the images on each linked website

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy e cookie policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.